Recensioni verificate Soddisfatta del servizio.
Personale disponibile e gentile. Lo consiglio a tutti ...
Cliente Sorgente Genetica
logomysorgente

02.3670.5871

Aurora magazine

Lo stress paterno influenza il comportamento dei figli

I padri molto stressati durante la gravidanza tendono ad avere figli con problemi comportamentali. Lo afferma uno studio dell’Università di Cambridge. I ricercatori hanno seguito i bambini per due anni, analizzando i loro comportamenti e quelli di entrambi i genitori. Da quanto emerge, le madri non sono le uniche ad avere un grosso impatto sui piccoli durante la gestazione.

Ci sono numerosi studi che mostrano una correlazione tra condizioni psicologiche delle future mamme e quelle dei loro bambini. Per quanto possa sembrare strano, lo stesso vale per i padri. I futuri papà che vivono la gestazione come uno stress tendono ad avere un impatto peggiore sui figli. Spesso hanno più difficoltà a relazionarsi con i piccoli, con effetti che si ripercuotono anche nella loro vita adulta. Ciò significa che anche i papà hanno bisogno di supporto psicologico durante la gravidanza.

Lo studio ha seguito 438 coppie in attesa del primo figlio. I genitori hanno risposto a questionari e interviste riguardati la loro vita di coppia, le preoccupazioni, gli eventi stressanti. Il primo ciclo di domande è stato fatto entro la fine del terzo trimestre di gestazione. Dopodiché i ricercatori li hanno intervistati 4 mesi, 12 mesi e 24 mesi dopo il parto. Nel mentre, hanno analizzato i comportamenti e lo sviluppo dei bambini.

I figli di padri stressati e infelici, sono risultati più propensi a esibire a propria volta problemi emozionali. Molti di questi sono risultati preoccupati, infelici, inclini al pianto, spaventati dalle situazioni nuove. Tutte condizioni che potrebbero essere causate da problemi relazionali nella primissima infanzia, anche se la correlazione non è del tutto chiara.

Fonte: telegraph.co.uk