trustpilot Servizio bellissimo
Ottimo servizio per quanto riguarda l'informazione...
logomysorgente

02.3670.5871

Aurora magazine

Troppi Omega 6 in gravidanza fanno male

Nella nostra società, consumiamo grandi quantità di grassi omega 6, in particolare acido linoleico. Quest’ultimo è presente nelle patatine in busta e negli oli vegetali. Uno studio mostra però come l’eccesso di questa sostanza possa diventare pericoloso in gravidanza. Pare infatti essere associato a un tasso maggiore di malattie cardiache. La ricerca è stata pubblicata su The Journal of Physiology.

I medici raccomandano di consumare acido linoleico circa tre volte alla settimana. I ricercatori hanno analizzato gli effetti della sostanza in gravidanza, sottoponendo delle cavie a una dieta ricca di acido linoleico per 10 settimane. Dopodiché le hanno fatte accoppiare e hanno continuato ad analizzare gli effetti della dieta sulla gravidanza.

Le cavie che seguivano la dieta prima e durante la gestazione hanno manifestato tre cambiamenti:

  • aumento delle proteine infiammatorie nel fegato;
  • livelli maggiori di una proteina che causa le contrazioni dell’utero;
  • riduzione di un ormone che regola la crescita e lo sviluppo del feto.

Tutti questi cambiamenti sono collegati a un aumento delle complicazioni e a problemi nello sviluppo del feto. Bisogna però verificare se gli effetti dell’acido linoleico sono gli stessi in ratti ed esseri umani. Se così fosse, le donne in gravidanza dovrebbero ridurre il consumo di omega 6 durante la gestazione.

Parlando dei ratti, l’unica variante rispetto al gruppo di controllo erano le quantità di acido linoleico. I livelli di grassi e zuccheri erano nella norma, quindi non si può attribuire loro nessuno di questi effetti. Quando si parla di esseri umani, bisogna tenere di conto che i cibi ricchi di omega 6 tendono ad essere anche grassi e salati. Questo comporta un ulteriore rischio per la salute.

Fonte: physoc.org

Add a comment

Arriveranno i test genetici per prevedere il peso alla nascita?

I ricercatori di ben quattro università inglesi hanno identificato 190 fattori genetici che influiscono sul peso alla nascita. Lo studio potrebbe portare allo sviluppo di un test genetico ad hoc, che permetta di calcolare il rischio di peso ridotto. I bambini troppo piccoli al momento del parto, infatti, corrono rischi sia sul breve sia sul lungo periodo.

Il peso alla nascita è un fattore determinante per lo stato di salute del bambino. Ecco perché i ricercatori hanno cercato eventuali anomalie genetiche collegate al fenomeno. Ciò ha portato all’identificazione dei geni di cui sopra, un quarto dei quali sono analizzabili tramite il sangue materno. Un eventuale test prenatale sarebbe quindi del tutto sicuro per il bambino.

I ricercatori hanno studiato 230.069 madri e 321.223 bambini. Hanno preso nota del peso alla nascita e hanno cercato eventuali anomalie genetiche in comune. Ne hanno identificate 190, di cui 129 mai riportate in precedenza. Inoltre, hanno identificato un collegamento tra anomalie, peso ridotto alla nascita e pressione alta più avanti nella vita.

Lo studio in questione non è il primo sul tema. Un altro team aveva esaminato gli effetti della modulazione genetica della placenta su sviluppo fetale e obesità infantile. In quella sede, era emerso un altro collegamento tra peso alla nascita e probabilità di diventare obeso più avanti nella vita. I risultati avevano inoltre individuato delle alterazione nell’espressione di alcuni geni della placenta.

Fonte: news-medical.net

Add a comment

Progesterone contro il sanguinamento in gravidanza

Secondo i ricercatori dell’Università di Birmingham, il progesterone potrebbe aiutare contro il sanguinamento nei primi mesi di gestazione. Inoltre, aumenterebbe le chance di successo in quante hanno una storia di aborti spontanei alle spalle.

I ricercatori hanno coinvolto 4.153 donne incinte con problemi di sanguinamento, età media 31 anni. Il sanguinamento precoce è solitamente collegato all’aborto spontaneo, che colpisce circa una donna su 5. I ricercatori hanno quindi somministrato progesterone a metà delle donne, mentre all’altra metà hanno somministrato un placebo. In questo modo hanno testato un’ipotesi emersa nel corso di tanti piccoli studi: l’ormone riduce davvero il rischio di aborto?

I dati mostrano un modesto miglioramento tra le donne del primo gruppo, specie tra quante avevano sperimentato più aborti spontanei. Rispetto al gruppo di controllo, c’è stato il 4% in più di gravidanze andate a buon fine. Su 777 di loro, 591 (76%) hanno portato a termine la gravidanza. Su 738 del gruppo di controllo, le gravidanze arrivate a termine sono state 534 (72%).

Sono ormai 60 anni che si discute il ruolo del progesterone durante la gestazione. Insieme a un altro studio con circa 4000 partecipanti, questo di Birmingham conferma quanto si sospettava: il progesterone aiuta a prevenire l’aborto spontaneo. Una scoperta che potrebbe aiutare migliaia di donne che hanno perso uno o più bambini, in apparenza senza motivo.

Gli autori dello studio sperano che la scoperta possa aiutare a rinnovare le linee guida dell’Istituto Nazionale per la Sanità.

Fonte: bham.ac.uk

Add a comment

Bambini più intelligenti grazie alle noci

Mangiare noci in gravidanza rende il bambino più intelligente. Lo afferma uno studio del Barcelona Institute for Global Health (ISGlobal), che ha trovato un collegamento tra frutta secca e sviluppo neurale.

I ricercatori hanno coinvolto oltre 2200 mamme con i loro bambini. Durante il primo trimestre, le donne hanno compilato un questionario riguardante le abitudini quotidiane e l’alimentazione. Una delle domande riguardava anche la quantità di noci mangiate ogni giorno. Dopo il parto, i ricercatori hanno analizzato lo sviluppo dei bambini. I piccoli hanno fatto test a 18 mesi, 5 anni e 8 anni.

Incrociano i dati è emersa una correlazione tra le noci mangiate in gravidanza e l’intelligenza del bambino. Le donne che avevano mangiato tante noci durante il primo trimestre, hanno avuto bambini con risultati migliori nei test. I piccoli hanno dimostrato di avere una memoria migliore e funzioni cognitive superiori. L’ennesima prova di quanto l’alimentazione in gravidanza sia decisiva per lo sviluppo fetale.

Non solo noci, però. Noccioline, nocciole, mandorle, pistacchi e pinoli si sono dimostrati altrettanto benefici sul lungo periodo. Probabilmente è in buona parte merito dell’acido folico, di cui questi alimenti sono ricchi. La frutta secca è inoltre ricca di omega-3 e omega-6, altre sostanze benefiche per i tessuti neurali, in particolare per le aree frontali del cervello. Questo potrebbe spiegare perché i bambini in oggetto hanno una memoria migliore della media.

Quanti noci bisognerebbe mangiare per ottenere questi benefici? Secondo lo studio, basterebbero 30 grammi di frutta secca 3 volte a settimana. Siamo poco sotto le quantità consigliate dai nutrizionisti di tutto il mondo.

Fonte: isglobal.org/en

Add a comment