Recensioni verificate Soddisfatta del servizio.
Personale disponibile e gentile. Lo consiglio a tutti ...
Cliente Sorgente Genetica
logomysorgente

02.3670.5871

Aurora magazine

Una app contro la malattia di Huntington

I ricercatori della Kaunas University of Technology (KTU) hanno sviluppato una app per facilitare la diagnosi precoce della malattia di Huntington. L’applicazione aiuta a identificare i primi sintomi della malattia, tramite una serie di test che valuta le condizioni cognitive e fisiche. In caso di esito positivo dei test, invita ovviamente a contattare un medico per confermare o smentire i risultati.

La malattia di Huntington provoca danni cerebrali progressivi, che causano:

  • movimenti incontrollati;
  • problemi emozionali;
  • perdita delle capacità cognitive.

Di solito la malattia si manifesta in età adulta, intorno ai 30-40 anni. Chi ne soffre ha un’aspettativa di vita di massimo 20 anni, dopo che si manifestano i primi sintomi. Esiste però anche una forma meno comune, che si manifesta in età giovanile.

I primi sintomi della Huntington tendono a passare inosservati. Questi comprendono irritabilità, depressione, piccoli scatti involontari, mancanza di coordinazione, difficoltà ad imparare nuove cose e a prendere decisioni. Possono essere scambiati per effetti dello stress, magari dovuti a un periodo un po’ difficile.

La app serve a fare una prima diagnosi quando non ci sono quasi sintomi. I soggetti a rischio la possono scaricare e usare periodicamente per valutare le capacità cognitive e motorie. In questo modo è più facile avere una diagnosi precoce e intervenire subito, guadagnando talvolta 16 anni di vita. Lo stesso principio è applicabile anche ad altre malattie neurodegenerative, come Alzheimer e demenza.

Strumenti di pre-diagnosi del genere esistono da tempo, ma solo su carta. Questa è la prima volta che gli scienziati mettono tutto su un’applicazione scaricabile da chiunque.

Fonte: expresshealthcare.in